martedì 25 aprile 2017

Il 25 Aprile e il buio nella Valle dell’Agno. Uno sguardo alla pedemontana del Veneto nel giorno della liberazione dal nazi fascismo.

Oggi Maurizio Dal Lago su Vvox.it firma un approfondimento interessante sul tema della resistenza. Il commento va letto con attenzione perché spiega alcuni passaggi salienti dai quali si evince che molto sul piano storico rimane ancora da approfondire circa le responsabilità di quello che accadde tra le forze della resistenza che operava contro i nazifascisti ed il fronte avverso.

A Dal Lago però vanno mossi un paio di appunti non sul piano storico bensì politico. Non spiega con sufficiente chiarezza se quei coni d’ombra siano il semplice effetto di una ricerca storica ancora pigra oppure ancora impossibilitata ad accedere alle carte più importanti. Oppure se dietro tali coni d’ombra si celi addirittura la volontà di non riaprire certe ferite.
Da questo punto di vista nel Veneto un esempio lampante di questo limbo relativo alla cronaca degli eventi lo troviamo nella Valle dell’Agno. Se c’è un luogo dove ancora i nomi e i cognomi di buona parte dei collusi con le azioni dei nazifascisti (sul cui giudizio etico e storico si può tranquillamente discutere), a partire dalle violenze sulle staffette-donna operanti attorno alle linee italo-germaniche, non si conoscono, quel luogo è proprio la valle dell’Agno. Il motivo? Una parte significativa di quegli individui, che se pizzicati al momento, sarebbero stati giustiziati in mantinente, hanno poi alimentato le fila di un potere locale ben determinato. Un potere locale nato a ridosso della fine della guerra da un patto sempre più o meno taciuto, tra ambienti Dc, grossa imprenditoria locale ed ex cascami del regime fascista.


In quell’alambicco messo su in nome dell’ipocrisia e dell’opportunismo è stata poi distillata gran parte di quella classe dirigente, politica e non, che ha determinato le sorti della valle dell’Agno: compresa una gestione del territorio dissennata quand’anche non delinquenziale. E che in questo momento è ben rappresentata su molti, forse troppi, fronti politici. Tanto che i peana che da questi ambienti si levano a favore della Pedemontana Veneta sono lì a dimostrare questa equazione.
Massimo Follesa

1 commento:

  1. Non conosco i fatti, ma presumo sia vero. Mi piacerebbe saperne di più, visto che la Dc il potere politico e quindi degli appalti era gestito dalla destra del partito, cioè dell'ala fascista legata alla massoneria pre e post guerra

    RispondiElimina

TU COMMENTI NOI MODERIAMO