mercoledì 31 dicembre 2014

Buona fine d'anno 2014 e buon inizio d'anno 2015


Indagine della Corte dei Conti sullo stato di avanzamento dei lavori della Pedemontana Veneta: Ecco il dettaglio delle delibere.

Con due delibere la Corte dei Conti con la Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato la n. 18 e la n. 19 annunncia indagini sulla SPV ecco i testi originali : delibera_18_2014_g.pdf,  delibera_19_2014_g.pdf.
In particolare nella seconda delibera la 19, nella CAT. IV - Infrastrutture strategiche e investimenti, a pagina 15 nel punto 2 si cita i criteri di interesse e investigazione: 
"Stato di avanzamento dei lavori della Pedemontana veneta di cui alle delibere CIPE n. 121/2001 e n. 96/2006. La superstrada a pedaggio Pedemontana veneta si configura come l'unica superstrada italiana soggetta a pedaggio. Inserita nel Piano regionale dei trasporti della Regione Veneto già nel 1990, ha avuto una gestazione assai travagliata, durata oltre un ventennio. 
La medesima rientra, ora, tra gli interventi strategici di preminente interesse nazionale di cui alla delibera Cipe n. 121/01 (legge obiettivo n. 443»14,( nell'ambito dei " sistemi stradali e autostradali" del Corridoio Plurimodale Padano. 
Il soggetto titolare della realizzazione dei lavori è la regione Veneto che aggiudicato la concessione di costruzione e gestione al Commissario delegato per l'emergenza determinatasi nel settore del traffico e della mobilità nel territorio delle province di Treviso e Vicenza. 
Il costo aggiornato dell'opera è pari a 2.280 milioni di euro (in fase di approvazione del progetto preliminare, con delibera CIPE n.96/2006, risultava essere pari a circa 1.990 milioni dì euro). L'opera è finanziata con fondi pubblici, con fondi privati e con le risorse di cui all'art.18, comma 1, del D.L. n.69/2013 (Fondo Sblocca cantieri). 
E' previsto anche un ulteriore contributo pubblico in conto esercizio di 7,3 milioni di euro, a scadenza semestrale, per 30 anni, qualora i volumi di traffico siano inferiori alle previsioni. L'ultimazione dei lavori è fissata per il 2017. 
L'indagine mira a ricostruire l'attuale stato di avanzamento dei lavori e ad accertare le cause degli incrementi dei tempi di realizzazione e dei costi dell'opera rispetto a quelli preventivati, le motivazioni che hanno portato, dall'anno 2011 in poi, ad avere una discrasia tra consistenti impegni annuali e assenza totale di pagamenti, sia in c/capitale che in c/residui, nonché ad esaminare se la gestione delle risorse finanziarie per la realizzazione dell'intervento strategico abbia effettivamente corrisposto ai canoni della legittimità, efficacia, efficienza ed economicità dell'azione amministrativa."

Buone Notizie dai tg di fine 2014: Corte dei Conti su Pedemontana Veneta

lunedì 29 dicembre 2014

Gli occhi della Corte dei Conti sulla Pedemontana veneta, allarme sui costi. Articolo di VVox.it

www.vita.it
Tratto da vvox.it del 27/12/2014 

I costi della Pedemontana veneta sono lievitati di 290 milioni rispetto al progetto preliminare, quasi il 15% del totale. Questo unito all’incremento dei tempi di realizzazione, alla sfasatura tra impegni annuali e assenza di pagamenti avvenuta preoccupa la Corte dei Conti, che vuole vederci più chiaro e impedire altre emorragie finanziarie.

Ecco perchè la Corte ha msso nel mirino l’intera gestione finanziaria del progetto. Nel 2015 ha in programma un’indagine sulla superstrada Spresiano-Dueville, l’unica in Italia che sarà soggetta a pedaggio. A stabilirlo la delibera dell’11 dicembre scorso, firmata dalla Sezione centrale di controllo che si occupa di seguire la gestione delle Amministrazioni dello Stato.

La Pedemontana Veneta rientra fra le opere infrastrutturali che secondo lo Stato presentano «elementi sintomatici di criticità», e il suo iter è al vaglio degli appositi nuclei di monitoraggio della spesa. La delibera fissa l’indagine del 2015 all’interno del più vasto piano di attività nel triennio 2015/2017. «La superstrada a pedaggio Pedemontana veneta, inserita nel piano regionale dei trasporti della Regione già nel 1990, ha avuto una gestazione assai travagliata, durata oltre un ventennio – rilevano i magistrati dell’organismo delle Corte dei Conti – il costo aggiornato dell’opera è pari a2.280 milioni di euro, quando in sede di approvazione del progetto preliminare risultava essere pari a 1.990 milioni di euro».

Di qui gli obiettivi dell’indagine-ricognizione: «La Corte dei Conti, esplicitamente, punta a ricostruire l’attuale stato di avanzamento dei lavori e ad accertare le cause degli incrementi dei tempi di realizzazione e dei costi dell’opera rispetto a quelli preventivati». E ancora nel mirino della Corte dei Conti finisce la stessa politica degli stanziamenti finanziari: si vuole ricostruire anche «le motivazioni che hanno portato, dal 2011 in poi, ad avere una discrasia tra consistenti impegni finanziari e la totale assenza di pagamenti, sia in conto capitale che in conto residui». Ma l’ultimo appunto che muove la Corte dei Conti è forse quello destinato ad avere più echi. La sezione della corte dei Conti scrive infatti: «L’indagine mira ad esaminare se la gestione delle risorse finanziarie per la realizzazione dell’intervento strategico abbia effettivamente corrisposto ai canoni della legittimità, efficacia, efficienza ed economicità dell’azione amministrativa».

EPIFANIA PER LA TERRA 6 GENNAIO 2015 BREGANZE (VI)

A tutti i cittadini, alle associazioni, ai comitati del Veneto che hanno a cuore la Terra e il territorio del Veneto, anche quest'anno abbiamo organizzato la celebrazione dell'epifania per la terra. Quest'anno si svolgerà a Bregannze (VI) il 6 gennaio 2015 alle ore 14.30 (vedi link https://goo.gl/maps/L7gAM) in via F.lli Laverda.
“Devono essere colpiti i ladri, ma le opere devono andare avanti!” soprattutto se grandi! Questo è il ritornello ricorrente di politici, imprenditori, governanti. E invece queste grandi opere, nate e realizzate nella corruzione, vanno fermate e subito!
L’intervento della Magistratura non è sufficiente per rientrare nella legalità e nell’esercizio della democrazia, dobbiamo compiere le scelta più elementare: avere persone oneste ai vertici, persone capaci di compiere scelte giuste e veritiere per il futuro dei nostri figli e nipoti e per il bene comune a tutti.
Il sistema emerso con il Mose, l'Expo e Mafia Capitale va ben oltre le somme di denaro distorte per oliare la macchina della corruzione. Questo sistema è criminalità organizzata e degenerazione dello Stato. Ogni governante deve essere consapevole delle responsabilità che ricadono su di lui e delle decisioni che da lui dipendono
Per la popolazione c’è un danno economico, ma soprattutto democratico. Il Consiglio Regionale del Veneto, la Giunta regionale, sostengono che dobbiamo mandare avanti quello che si è già deciso, per il futuro cambieremo. E' ASSURDO!
Si espropriano campi, vigneti, orti, giardini, case pensando di comprare il silenzio e le coscienze: il denaro non ripaga delle violenze alla terra e alla dignità degli uomini che la abitano.
Tocca a noi porre rimedio alla degenerazione dello Stato, chiamando i governanti alle loro responsabilità, ripristinando il diritto, operando per la giustizia e la verità, rinsaldando il patto sociale tra Cittadini e Istituzioni che si sta rompendo con conseguenze imprevedibili…
A che cosa deve servire il terreno dove abitiamo? “A fare soldi”, oppure può contenere in se il riscatto dalla nostra crisi che non è più solo economica ma morale e etica?
Perchè a Breganze? Intanto per condividere assieme alcune riflessioni sui luoghi maggiormente maltrattati della Terra Madre. A Breganze, siamo assediati dagli eventi e pericoli incombenti. Quì a giugno sono stati tagliati i vigneti del torcolato senza rispetto per gli agricoltori, fra pochi mesi verrà aperto il primo casello della SPV, sono iniziati celermente i lavori sul resto del territorio di Breganze da poche settimane. Poi, per non farci mancare nulla, Breganze è uno dei territori del Veneto e d'Italia col maggiore aumento di consumo di suolo degli ultimi anni, con non ultima, l'incombenza di una ampia area di nuova escavazione per i bacini di laminazione, con la duplicazione delle aree di cava esistenti di Mirabella-Sandrigo, tra le più grandi in Veneto. per questo e simbolo di tutta la terra CELEBREREMO LA SANTA MESSA ALLE ORE 14.30 DEL 6 GENNAIO 2015 RIUNIONE A PARTIRE DALLE ORE 14.00, Si consiglia l'accesso dalla rotatoria come indicato nel link https://goo.gl/maps/L7gAM. La strada sarà chiusa grazie alla collaborazione dell'Amministrazione comunale di Breganze, che ha risposto alla nostra richiesta, abbiamo avanzato analoga richiesta anche alla Laverda spa.

Promuovono l'iniziativa: CoVePA - Coordinamento Tutela Territorio Breganze - LABC Lab.o Civico 

domenica 21 dicembre 2014

SPV: Lo schifo della politica italiana proroga l'emergenza della Pedemontana Veneta e il suo commissario segue a ruota.

dal profilo FB del Sen. Cappeletti
Abbiamo appreso dal profilo Facebook del Sen. M5S Enrico Cappelletti (vedi foto) che mercoledì 17/12/2014 la Gazzettta Ufficiale ha pubblicato il Decreto del  Presidente del  Consiglio dei Ministri con cui Matteo Renzi ha prorogato per Luca Zaia l'emergenza inesistente della Pedemontana Veneta fino al 2016.
Si tratta dell'ennesimo inciucio di un governo e di un governatore che non esitano ad accordarsi per salvare gli affari privati con il pretesto di salvare il paese. 
Lega come PD, Renzi come Zaia, fanno vomitare, lo schifo delle loro figure politiche raggiunge il disprezzo per le figure che in Veneto ingoiano la SPV: il Mose dell'entroterra veneto. 
E' il frutto delle tangenti coperto da una emergenza inesistente e un commissario dimezzato. Zaia e Renzi e il coro dei politici locali non osano alzare la voce sullo scandalo di una autostrada costruita con le tangenti della squadra a Galan e Chisso, non osano smaschrerare il sistema dietro al quale prospera la SPV: quello nascosto dietro ai finanziamenti "leciti" ai Zoggia e company del PD, ai Zorzato e Coppola della compagnia di giro NCD/FI. Ci fanno schifo per le falsità che vanno dicendo su emergenza e traffico, sono tutti comportamenti da trattamento sanitario obbligatorio. In epoche come queste anche dire la verità può costare caro, siamo già a 1 arresto e 5 denunce contro di noi e i nostri aderenti che hanno manifestato contro Zaia e i suoi soci. Ma non ci arrendiamo porteremo la nostra voce sotto le loro comode case se non ci vogliono ascoltare.
Matilde Cortese Elvio Gatto Massimo Follesa portavoce CoVePA
wwwcovepa@gmail.com wwwcovepa.blogspot.it 

giovedì 11 dicembre 2014

SPV: Valle dell'Agno Sabato 6.12.14 ore 16.30 “”Papà guarda c'è stata una frana, ma è successo adesso per colpa della mina?””

SABATO POMERIGGIO INTERROTTO DALL'ESPLOSIONE DI UNA MINA DELLA SPV IN VALLE DELL'AGNO. 
FRANA A VALLE DEL CANTIERE CHI E' IL RESPONSABILE? SI INDAGHI PERCHE' LE RASSICURAZIONI DI SPV NON SONO SUFFICIENTI. 
I TUNNEL SONO REALIZZATI SOPRA IL FRAGILE E PERICOLOSO SISTEMA DEL TORRENTE POSCOLA STUDIATO DAL PROF. D'ALPAOS NEL 1999 E IGNOTO AL PROGETTO DELLA SPV.
Sabato pomeriggio 6/12/14 per chi vi scrive è stato un pomeriggio di acquisti veloci lungo la statale a Trissino in zona stazione FTV. Tutto è stato scosso e interrotto da un boato. La commessasi è interrottai, ma non ha fatto in tempo a spiegarci che era la mina per la costruzione della Galleria di Sant'Urbano, qualche istante dopo abbiamo sentito tremare lo stabile grazie all'onda d'urto. Corro fuori con mia figlia più piccola, facciamo in tempo a cogliere il fumo dell'esplosione alzarsi dal cantiere della SPV che dista non più di 200 mt dal parcheggio. Devo spiegare di cosa si tratta alla mia figlia più piccola di 9 anni:””Sono le mine per aprire la galleria della nuova autostrada SPV nella nostra valle”” quella dell'Agno. Passano sotto ad una collina storica per l'l'estrazione delle sabbie da fonderia e considerata sicura, ma quello che attrae il nostro sguardo è quello che nota mia figlia più grande di 14 anni: “”Papà guarda c'è stata una frana, ma è successo adesso per colpa della mina?””. Si vede ancora il fumo alzarsi dal cantiere uscito dal tunnel, ma a destra, circa 150 mt più a sud, si vede chiaramente la traccia del distacco di una slavina di rocce dal costone del colle di Sant'Urbano tra gli alberi del ripido bosco.

martedì 9 dicembre 2014

ECCO IL TUTOR: IN SPV PUO' SOSTITUIRE I CASELLI. Come funziona in un video della Polizia di Stato


Il Tutor o SICVE che dir si voglia è un sitema messo a punto per la prima volta in Svizzera, ma ha una radice anche in Italia grazie alla Craft che nel 1999 per prima lo ha messo a punto ancher se è stata al centro di un contenzioso con Autostrade per l'Italia. Il sitema viene impiegato per monitorare nelle autostrade gli eccessi di velocità e le conseguenti infrazioni al codice della strada. Può essere impiegato anche per la gestione del traffico senza pedaggio o con pedaggio. Con esso l'operatore o il sitema possono discriminare tra coloro i quali possiedono un trasponder nell'auto, meglio noto come Telepass marchio di Atlantia spa. Il Tutor può raggiungere anche quelli che ne sono sprovvisti addebitando loro gli importi relativi con il riconoscimento delle targhe, magari direttamente nel cellulare.
Con questo sistema senza caselli, si può discriminare tra vari tipi di traffico, questo avviene gà in Aurstia e in Germania con il sistema satellitare senza caselli, dove i camion e i mezzi pesanti, che inquinano di più, devono pagare il pedaggio. Il traffico leggero è escluso, ma dal 2016 anche quello straniero sarà incluso nel pagamento. Soprattutto si può discriminare il pedaggio sulla base della provenienza, e questo può essere introdotto in tutti i sistemi infrastrutturali come la Pedemontana Veneta. 
Si potrebbe eliminare il pedaggio ai residenti sulla base di controlli in remoto o attivi con i trasponder e mettere a pagamento le tratte percorse solo per i mezzi in attraversamento esterni alle aree degli oltre 70 comuni interessati dal tracciato (solo 36 quelli attraversati). Così facendo si riporterebbe la SPV al senso iniziale della legge che ne ha istituito il finanziamento pubblico con la legge 448/1998. Secondo passaggio sarebbe l'eliminazione del Primo lotto riportanto la SPV, secondo la legge istitutiva, al collegamento tra A31 e A27. 

lunedì 8 dicembre 2014

SPV-Pedemontana Veneta: mostro da 2,5 mld nato vecchio di almeno 50 anni.


A parte qualche inesattezza sul procedimento con cui la Regione Veneto è chiamata a versare il canone anticipato, c'è da domadarsi come mai la testata on line vicina alla fondazione nord-est, cioè il gruppo di pensatori che ha spinto fino a ieri su queste opere comunque e dovunque, abbia avviato un ripensamento sul sistema GalanChissoZaiaMoretti delle infrastrutture come salvezza della patria propria e collettiva. 
Sembra una ballon d'essai, cioè il classico palloncino che, lanciato in aria prima dell'ascensione di una mongolfiera, segnalava la direzione del vento. Se a questo seguirà il varo della mongolfiera nella giusta direzione, staremo a vedere. Per questo vogliamo segnalare all'autore che, oltre al finanziamento pubblico di 650mln di €(370 mln dal governo + 280mln del finanziamento statale del 1998), va calcolato il citato contributo regionale in forma anticipata per 15 anni pari a 29,7 mln di € anno. Si tratta di complessivi 450 mln di € che saranno restituiti solo nel caso il traffico supererà la soglia garantita al concessionario. questo avverrà secondo la revisione del contratto di concessione e del piano economico e finanziario del 18/12/2013 che abbiamo provveduto a pubblicare nel blog del CoVePA (ndr).
Non passa giorno che il governatore Zaia non sbandieri quanto sia strategica la Pedemontana Veneta. Era la fine di ottobre e il SuperGovernatore tagliava il nastro di un lotto dell'autostrada attesa da decenni: 94 chilometri che dovrebbero sbloccare il produttivo e ricco NordEst, bisognoso di strade e infrastrutture per le sue merci. In tre anni dall'inizio dei lavori, è stato costruito solo il 10%.
Ma siamo sicuri che la Pedemontana, così come tante altre grandi opere, servano davvero? Viene da pensare il contrario, e cioè che le osannate opere pubbliche non servano a niente, ma siano solo modi per distribuire appalti, tanto cari alla politica. Intendiamoci: non è che le autostrade non siano (sulla carta) utili. Il problema è che servivano 20 o 30 anni fa. Oggi, non più: il rapporto costo/benefici è spropositato.

domenica 7 dicembre 2014

Non poteva mancare. Ercole Incalza

www.corriere.it
Le Pedemontane Veneta e Lombarda vanno avanti perché esistono dirigenti pubblici come Incalza, cariatide delle infrastrutture dai tempo di mani pulite, che accetta l'inaccettabile e ammette l'inammissibile: in SPV ha allegramente coperto il Commissario Vernizzi e le fanfalucate sul completamento del progetto esecutivo e sulla correttezza dei 370 mln di finanziamento governativo grazie sblocca cantieri del luglio 2013
Tratto da Marco Lillo “Indagato per il Tav Firenze, gestisce gli appalti per il governo: storia di Incalza”
Il Fatto Quotidiano 7 giugno 2014Non poteva mancare. Ercole Incalza, il ‘rieccolo’ dei lavori pubblici italiani, non è indagato ma è citato nell’ordinanza di arresto del caso Mose per le conversazioni intercettate in un paio di passaggi delicati per il Consorzio Venezia Nuova: quello relativo alle nomine del Magistrato delle Acque e al momento dello sblocco dei finanziamenti da 400 milioni al Mose da parte del Governo Berlusconi. Anche nell’indagine sull’Expo di Milano coordinate dal pm Ilda Boccassini emerge il nome di Incalza in un’intercettazione telefonica di Gianstefano Frigerio e anche qui Incalza non è indagato. Frigerio diceva solo al capo di Infrastrutture Lombarde, Antonio Rognoni: “C’è casino sulla Pedemontana” (lombarda ndr) perché i fondi al Cipe erano bloccati e invocava “una riunione a Roma con Lupi, Maroni e con quelli che ci stanno lavorando, anche con Ercole Incalza”.

venerdì 5 dicembre 2014

SPV: RECITA DA "B"MOVIE ALL'ITALIANA. GLI SCUDI REGGONO GLI ANTAGONISTI.

aforismi.meglio.it
Ieri sono apparsi due articoli in fotocopia delle versioni on line di Corriere del Veneto e Giornale di Vicenza, con un titolo da barzelletta che parlava di tensioni a Castelgomberto per i cantieri del nuovo tunnel SIS. 

A parte quelle provocate dal redattore del testo per le sgrammaticature da matita blu e cappello da asino, le uniche tensioni erano quelle degli elastici delle mutande dei presenti; in particolare erano tesi gli elastici delle mutande della coppia Marchese (Capo della mobile di Vicenza) e Marchesini (l'ufficiale di collegamento degli antagonisti). Se fossimo stati una compagnia della commedia dell'arte i due avrebbero avuto le sembianze giuste per impersonare il ruolo dei controllori della recita dei loro figuranti, comprimari e primattori di fila di una scena da teatro di periferia, o meglio da “b” movie.

A Castelgomeberto non abbiamo assistito ad un film d'essai, bensì a scosciate da Giovannona coscialunga. E siccome siamo cresciuti con i “b” movie all'italiana faremo uno sgarbo ad Alvaro Vitali, a Lino Banfi, a Pippo Franco, alle Fennech e ai Montagnani, paragonandoli a quanto andato in scena al cantiere della Spv.

giovedì 4 dicembre 2014

«Antagonisti? Ma di che? Antagonisti nostri!»

Le tensioni degli ombrelli e degli elastici delle mutande
«Antagonisti? Ma di che? Antagonisti nostri!». Sbotta così, ancora incavolato per com’é andata oggi a Castelgomberto, il portavoce del comitato Covepa contro la Pedemontana veneta Massimo Follesa. Lui aveva ricevuto la regolare autorizzazione dalla Questura per avvicinarsi al cantiere ed esporre manifesti, ma il gruppo di antagonisti (centro sociale Arcadia di Schio e altri provenienti da Vicenza e dal Veneto), ha voluto “urtare” a tutti i costi il poderoso dispiegamento di polizia – praticamente c’erano più agenti che manifestanti. E così lo svolgimento programmato dal Covepa, che da anni si fa il mazzo con studi, esposti, denunce, articoli, sit-in per dimostrare che esiste un’alternativa sostenibile alla Spv benedetta da destra e sinistra, è stato stravolto per qualche minuto di spintoni che i media allarmistici avranno buon gioco a ingigantire.

Detta papale papale: si gioca a cavalcare la protesta per conquistarsi un quarto d’ora di visibilità. E il peggio è questo: lo fanno in totale buona fede. I cosiddetti “antagonisti” credono davvero sia utile alla causa inscenare il rituale dello scontro (in questo caso, più che altro un incontro) con gli “sbirri”. Vale l’azione in sé, non le sue conseguenze. Che se fossero nulle, potrebbero far derubricare questi gesti come sfoghi autoreferenziali, una specie di mistica dell’azione per l’azione, della violenza per la violenza (che a qualcuno ricorda Sorel: ma almeno lui aveva in mente la rivoluzione, non rintanarsi negli “spazi autogestiti”). No, son di più: sono controproducenti. La violenza politica fine a se stessa rende il gioco facile a chi oscura le ragioni del no parlando solo delle “tensioni” e dei tafferugli (e fortunatamente questa volta non c’è scappato nessun ferito). Sono i contestatori ideali per chi vorrebbe che non ci fosse alcuna contestazione.

E sì che di antagonismo, nel senso letterale della parola, ce ne sarebbe un gran bisogno. Mai nessuna società è stata tanto conformista come quella di oggi, dove l’anticonformismo è diventato un obbligo. Ma per essere “contro” in maniera sensata, la prima regola è non dare alibi all’avversario. Altrimenti, sotto la maschera, si diventa “per”, si fa il suo gioco.

mercoledì 3 dicembre 2014

Pedemontana “tossica”: galleria addio

Alla fine Silvano Vernizzi, il supercommissario alla Pedemontana Veneta, ha dovuto ammetterlo: pur tra mille prudenze la Spv tra Montecchio e Trissino dovrà abbandonare la galleria per sposare un più tradizionale percorso in superficie. Detta così sembra una inezia progettuale. E invece la modifica, se si concretizzerà, si renderà necessaria a causa della «bomba ecologica» che si trova sotto la zona industriale di Trissino in corrispondenza della Miteni, un tempo Rimar-Marzotto. 
Gli scarti di lavorazione accumulati negli anni avrebbero prodotto una sacca di sostanze pericolosissime, i “pfoa”, che attraverso il sistema di falda hanno già pesantemente colpito l’ovest Vicentino, la bassa Veronese e la bassa Padovana per un bacino di residenti potenzialmente interessati pari a 350.000 persone. Questo almeno dice un voluminoso studio del Cnr, rilanciato da Arpa Veneto, rispetto al quale si attendono ulteriori accertamenti anche in relazione alle interferenze del tracciato della Spresiano Montecchio. Argomento che Vvox, prima tra le testate venete e nazionali, aveva sollevato con un reportage del 22 ottobre. 

PRESIDIO PER ‘SEGUIRE’ L’INAUGURAZIONE DEL TUNNEL DI SANT’URBANO CON LUCA ZAIA.

NO ALL'EMERGENZA FALSA VIA IL COMMISSARIO IN FRODE ALLA LEGGE

PRESIDIO PER ‘SEGUIRE’ L’INAUGURAZIONE DEL TUNNEL DI SANT’URBANO CON LUCA ZAIA.

GIOVEDI’ 4 DICEMBRE 2014 RITROVO ALLA PIZZERIA JOLLY ORE  9.45 TRISSINO https://goo.gl/maps/N6Cyr

PRESIDIO IN LOCALITA' STAZIONE FTV DI BROGLIANO ORE 12.00 https://goo.gl/maps/rVtI3

Ci concentreremo nel piazzale alle ore 9.45, la manifestazione avrà inizio dalle ore 10. si raccomanda la partecipazione con fischietti, trombe, megafoni e quanto adatto a fare rumore, oltre a striscioni e cartelli. Nessuna bandiera di partito ma solo le delegazioni avranno il loro striscione. La Questura ci ha prescritto di mantenere il presidio entro il limiti del piazzale della pizzeria, con proibizione assoluta dei blocchi e di invasioni delle carreggiate stradali. Di seguito allego il testo della nota del questore e la mia nota a riscontro dei colloqui condotti per la mediazione da effettuare sul posto a mia cura come inteso con il funzionare della Questura di Vicenza. ogni possibile avvicinamento o incontro in delegazione sarà dipendente dalle condizioni riscontrabili e negoziabili con le forze di polizia e con la nostra garanzia a far svolgere i due momenti previsti: quello della messa in onore della protettrice dei minatori a Castelgomberto zona Sandri e il ritrovo conviviale a pranzo nella base logistica di Brogliano. 

NO Pedemontana: Le nostre ragioni sono elencat di seguito, SPV è una delle grandi opere nel Veneto nate e realizzate nella corruzione.

venerdì 28 novembre 2014

SPV: ATTO GRAVISSIMO RIFIUTA ACCESSO CANTIERI AI PARLAMENTARI IN RAPPRESENTANZA DEI CITTADINI!

Il CoVePA stigmatizza la presa di posizione della SIS scpa che ha negato l'accesso ai Cantieri di SPV dopo averlo concordato con la Prefettura. Siamo vicini ai parlamentari del M5S, sabato mattina parteciperemo all'avvio dell'iniziativa consegnando le nostre richieste per le regionali del Veneto, con la speranza che entrino nel loro programma. Li accompagneremo in spirito poiché saremo impegnati a Bassano in una iniziativa sul parco delle Rogge alle 12 presso il Caffè dei Libri e a Padova al forum regionale dei comitati.
Il Geom. D'Agostino con i suoi retromarcia non si fa scrupoli a sbeffeggiare le decisioni prese con il Prefetto di Vicenza, di fatto dichiara che i cantieri sono cosa sua. I molti espropriati conoscono bene gli atteggiamenti di SIS e dei suoi scagnozzi. Siamo di fronte alla privatizzazione del territorio senza averlo ancora pagato, dato che l'occupazione dell'80% delle aree non corrisponde al versamento dell'80% degli espropri, dove sono finiti quei soldi?.
D'Agostino è forse abituato ad aprire le porta dei cantieri solo per le campagne della politica amica o alla mafia degli appalti e del malaffare? Non abbiamo dimenticato i fatti di Palermo e dei pizzini di "Ziu Binnu" Bernardo Provenzano a Salvatore Lo Piccolo(all.1), che avevano piazzato persone loro nei cantieri SIS della Metro di Palermo (all.2), con cui la SIS non si schifava di trattare. L'allora procuratore Ingroia parlava di relazione del 4° tipo tra l'impresa e Cosa Nostra (all.3).

Borgo Berga Nuovo Tribunale VI: M5S accusa e Corte dei Conti mette in mora per danno erariale consiglio e giunta 2009. C'è anche la Moretti, Ellero dixit

osservatoriourbanovi.wordpress.com
La Corte dei Conti ha preso posizione dopo l'esposto su Borgo Berga presentato il 20 ottobre scorso ad Antonio Cappelleri, Procuratore Capo di Vicenza, dai senatori M5S Enrico Cappelletti e Giovanni Endrizzi e dal consigliere comunale Daniele Ferrarin, componente anche della commissione territorio del Comune di Vicenza, e, molto probabilmente, in relazione alla documentazione tecnica allegata e preparata dall'architetto urbanista Carlo Costantini e dall'avvocato Matteo Ceruti.

Confronto tra il PAT e il PI di Bassano del Grappa



mercoledì 26 novembre 2014

CoVePA diffida al comune di Bassano d.G. per il Parco Rurale delle Rogge

Oggi abbiamo inviato formale diffida al Sindaco del comune di Bassano del Grappa perchè ritiri in auto tutela quanto è stato disposto dalla delibera del consiglio comunale n. 9 del 1 marzo 2012.
Esporremo i dettagli della diffida alla conferenza stampa di sabato 29/11/2014 alle ore 12,00 presso il Caffè dei Libri in vicolo Gamba a Bassano del Grappa.
Rivolgiamo un invito a tutte le forze sociali, del territorio, ai cittadini, agli eletti, ai rappresentanti delle istituzioni, dei quartieri, dei comitati, delle associazioni e delle organizzazioni politiche che hanno a cuore il Parco Rurale delle Rogge ad essere presenti al nostro fianco in quella giornata.
Non va dimenticato che in queste settimane l'area del Parco e il Quartiere Pre sono altresì aggrediti dal progetto di realizzare in quelle prossimità il nuovo centro di manuenzione e lavaggio dei mezzi per la raccolta dei rifiuti urbani e speciali della società incaricata della raccolta diffierenziata locale.

martedì 25 novembre 2014

Beati i Costruttori di Pace: NOI SIAMO TERRA, VENETO DA VIVERE

Messa in sicurezza dei soldi, ma non delle persone! 


A tutte le persone che lavorano nei comitati, nelle associazioni e organizzazioni per l’ambiente

Siamo d’accordo che, nonostante alcune vicende giudiziarie molto importanti, non c’è stato un cambio di rotta, né di tendenza riguardo ai grandi progetti e alle regole per realizzarli? 
Nessuno dei responsabili politici e dei grandi investitori ha avuto il coraggio di riconoscere lo stato drammatico del pianeta rispetto ai cambiamenti climatici in atto, all’inquinamento atmosferico e degli oceani, al consumo di suolo. 

Nessuno rinuncia ai progetti di crescita, ma crescita della produzione di anidride carbonica, della devastazione del territorio, con il mattone e l’asfalto, con assoluta irresponsabilità, tutti protesi alla messa in sicurezza dei soldi, non delle persone, perché di fatto stanno aumentando le povertà, le disuguaglianze e la disoccupazione. 

Saremo ancora ultimi e multati (come per le carceri) in Europa, ma dovremo presto tutti per necessità , proporci obiettivi diretti a ridurre la produzione di anidride carbonica, a sanare il sistema idrogeologico, non togliere più un solo metro quadro di suolo alla coltivazione per recuperare autonomia alimentare. 
Ci sono realtà straordinarie di resistenza alle opere di devastazione e di proposta per un’agricoltura diversa, che stanno operando su tutto il territorio veneto. 

CORRIERE DEL VENETO 23/11/2014

























LA PEDEMONTANA VENETA è UNA CASA PER APPUNTAMENTI

La Brebemi si squaglia. E la Spv? Si vedrà

www.quibrescia.it
LO STATO ATTUALE DELLA BREBEMI.
ALCUNE CONSIDERAZIONI A COMMENTO DI UN ARTICOLO TRATTO DAL QUOTIDIANO LIBERO. 
COMPRENDERE IL FUTURO DI SPV.
Pubblicato da Marco Milioni su TAEPILE

«Poco traffico, Brebemi pensa di restituire la concessione pubblica nelle mani dello Stato». È questo uno dei passaggi salienti di un breve servizio pubblicato il 25 ottobre su Libero a pagina 21. Lo stesso approfondisce così la materia del rapporto tra investimento pubblico e privato: «Inaugurata il 23 luglio scorso, la prima autostrada italiana costruita (sulla carta) con capitale “privato” si è rivelata un flop e chi l'ha costruita ora corre ai ripari. Sono ore frenetiche e Brebemi, come spiega a Libero una fonte vicina al dossier, sta valutando diverse possibilità. Il ventaglio è ampio e una delle carte prevede, come accennato, l'uscita dal casello. 

domenica 23 novembre 2014

ALESSANDRA MORETTI MENO CERETTE E PIU' RISPOSTE CHIARE E DIRETTE!

www.giornalettismo.com
Vogliamo rispotte chiare e impegni dall'On. Moretti: eliminazione dell'emmergenza e del commissario, blocco dei ""progetfinansing" alla veneta,  stop ai cantieri e controllo del progetto esecuttivo, verifica della VIA, controllo dei costi che ricadono sui cittadini, rinegoziazione del contratto di concessione e degli oneri finanziari, revisione del progetto con stop al lotto 1 tangente della squadra del Mose dell'entroterra veneto, blocco dell'autostrada di Baita e Soci e il via a una strada per i trevigiani, eliminazione del 4° lotto di SPV il traforo del Grappa e la nuova Valsugana, sblocco della commisione di inchiesta regionale e luce sul bordello della tenutaria della Pedeputtana Veneta.
Le dichiarazioni rilasciate all'Huffingtonpost da colei che la stampa da per la più accreditata candidata alle primarie del PD per la presidenza della Regione Veneto, ci lasciano basiti. Dovremmo appoggiarla perché è un pezzo di “”gnocca””, perché è bella, perché ha stile e sa tenersi su?
On. Moretti da lei vorremmo meno cerette e più risposte chiare e dirette: mancano le sue sulla Pedeputtana Veneta. Non vogliamo offendere le prostitute che non fanno nulla di male, diverso è invece per gli “”utilizzatori finali”” e le tenutarie che le sfruttano. Le vere Pedeputtane Venete sono coloro i quali si prestano allo sperpero di soldi pubblici, per obbedire agli ordini delle tenutarie del bordello veneto e nazionale.
Abbiamo lanciato una campagna per fare chiarezza sulla SPV, perché, dopo i patteggiamenti del Mose, non passi sotto silenzio il bordello del Mose dell'entroterra veneto: la SPV, che collegherà Montecchio Maggiore(VI) con Spresiano (TV) . Da quando il Capo del Governo è Matteo Renzi, abbiamo inviato tre richieste alla Presidenza del Consiglio dei Ministri perchè rimuova l'attuale commissario della SPV ing. Silvano Vernizzi. Su esso pendono due sentenze del Tar Lazio (10184/2011 e 1140/2012) che hanno dichiarato illegittimi l'emergenza di protezione civile per costruirla e il suo commissario. Altre tre pronunciamenti del Tar Lazio, dopo la sentenza della Corte Costituzionale 250/2014, stanno arrivando con lo stesso tenore.

sabato 22 novembre 2014

Veneto Strade, a Mestre il Covepa contesta Vernizzi

Venezia Mestre, 22 novembre 2014
Oggi il CoVePA ha tenuto una conferenza stampa alla sede di VenetoStrade. Molte sono le cose nascoste nei ProgetFinansing alla veneta e che chiediamo siano indagati dalla magistratura e dall'autorità anti corruzione. Si tratta di un troiaio senza limiti di decenza e prezzo. Per questo abbiamo portato alla sede del Commissario di SPV i listini prezzi, quelli giusti.
Dopo le fesserie proferite da Silvano Vernizzi in seguito alla pronuncia dellaConsulta in merito alla vicenda giudiziaria della Spv, non si poteva rimanere in silenzio. La Corte costituzionale non ha blindato un bel nulla e l'iter giudiziario rimane pendente davanti al Tar, che nel caso della controversia col comune di Villaverla nel Vicentino aveva giá dato ragione ai ricorrenti facendo a pezzi le ragioni di chi propone l'opera. Il pronunciamento dei giudici costituzionali infatti riguarda solo un aspetto parziale, la proroga commissariale, e non entra nel merito del procedimento giudiziario pendente avanti il Tar Lazio. Stamani abbiamo deciso di dare contezza di questi argomenti sotto la sede di Veneto Strade. Con sorpresa abbiamo trovato alcuni nostri associati che a suon di slogan ironici hanno coperto di ridicolo questo progetto inutile e criminogeno. Noi non ci fermiamo, metteremo alle spalle la "Pedeputtana Veneta" e i suoi protettori. Le cazzate di Vernizzi non fermeranno il nostro impegno.
Matilde Cortese, Elvio Gatto, Massimo Follesa
Portavoce CoVePA
wwwcovepa@gmail.com
Segue reportage fotografico della mattinata

giovedì 20 novembre 2014

COVEPA CONTRO LA PEDEPUTTANAVENETA E I LORO PROTETTORI

Agli organi di informazione a cui chiediamo di essere presenti:
Sabato 22 novembre 2014 alle ore 12.00 CONFERENZA STAMPA del Coordinamento Veneto Pedemontana Alternativa a VenetoStrade in via C.Baseggio, 5 a Mestre VE.

Presenteremo il nostro punto di vista sulla recente sentenza della Corte Costituzionale 250/2014. 
Sveleremo i protettori della PedePuttanaVeneta e chi protegge la prostituzione delle territorio veneto. Numerosi politici e tecnici regionali sedevano al fianco di quelli che con il patteggiamento si sono assunti la responsabilità politica del Mose dell'entroterra veneto, le stesse aziende che hanno prostituito la laguna. Neanche la Corte Costituzionale si è schifata della Pedeputtana Veneta e dei suoi protettori e continuano a stare al loro posto. Il governo avrà il coraggio di dimetterli e chiudere la fase della prostituzione legalizzata della terra veneta?

CoVePA: bacini di laminazione dell'Agno a Trissino e Arzignano avanti a braccetto con la SPV.

ladomenicadivicenza.gruppovideomedia.it
Una settimana fa, era il 14 novembre, il M5s ha organizzato una tavola rotonda nel Vicentino, più precisamente nella mia Trissino. Si è parlato di un progetto assai controverso, quello dei bacini di laminazione dell'Agno a Trissino e Arzignano. Un'opera che avrebbe potuto avere un senso se preceduta da un rigoroso e trasparente studio di fattibilità che ne avesse valutato pregi e incognite, considerando anche l'ipotesi di non realizzarla. Il tutto a fronte di una consultazione popolare sul tipo di quelle che si tengono in Francia col nome di debat public. Purtroppo la cosa non è avvenuta tanto che i dubbi che da consigliere comunale espressi in sede di assise comunale a Trissino sono rimasti in piedi.

Durante la serata c'è stato anche un lungo intervento dell'onorevole Silvia Benedetti del M5S e dell'attivista Davide Sandini che ha presentato un suo istant e-book nel quale ha incasellato una dietro l'altra tutte le sue perplessità. Davide e Silvia vanno ringraziati per il oro impegno. Soprattutto alla Benedetti ora spetta il gravoso compito, da lei accetatto volentieri, di esplorare anche la via di un ricorso per via amministrativa, perché gran parte delle grane, ed è la cosa che venerdì scorso ho cercato di dire con la mia solita, mi si passi l'iperbole ironica, «truculenta verbosità», stanno nella redazione del contratto e del progetto di quella infrastruttura della quale ignoriamo con profonda cognizione di causa, in primis, costi e modalità di realizzazione.

venerdì 14 novembre 2014

Il governo commissaria la Valdastico Nord

TRATTO DA altreconomia.it di Luca Martinelli.
Una decisione del Comitato interministeriale per la programmazione economica "forza" l'iter per l'approvazione del progetto dell'A31 Nord, tra Veneto e Trentino, un investimento da due miliardi. Una decisione che va a tutto vantaggio del concessionario A4 Holding, il cui primo azionista è Intesa Sanpaolo. Sergio Chiamparino, membro del CIPE, è stato fino a pochi mesi fa presidente della Compagnia di San Paolo, a sua volta primo azionista di Intesa. Intanto comitati, associazioni e amministrazioni manifestano a Besenello (TN)

giovedì 13 novembre 2014

A TUTTA BIRRA! Cipe approva e sblocca Tav, Valdastico Nord e MoSE. Le soddisfazioni di De Menech, Moretti e Zaia

Il Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, ha approvato una serie di interventi strategici di grande rilevanza per il territorio della Regione Veneto nei grandi settori dei trasporti e delle infrastrutture. Di seguito i dettagli sulle opere forniti dalle Regione e i commenti del presidente in carica Luca Zaia, dell'aspirante Alessandra Moretti e del segretario del Partito Democratico del Veneto Roger De Menech.
Zaia
"Un risultato da accreditare a tutti i veneti che hanno saputo farsi sentire a ogni i livello a Roma. Si tratta di opere che attendevamo da anni e che contribuiranno a collegare il Veneto con i grandi corridoi di collegamento intermodali europei, strategiche per il futuro dell'economia regionale. Ora si tratta di mettersi rapidamente al lavoro per non perdere altre occasioni preziose e passare rapidamente all'attuazione o alla conclusione dei lavori. Vigileremo". "Ce n'è voluta per sbloccare i piani che giacevano nei cassetti della burocrazia romana. Tuttavia mancano ancora all'appello tanti altri interventi e iniziative meno strategiche, ma che consentirebbero, se finanziate, una vera ripresa per le imprese dei nostri distretti industriali. E dico questo sapendo che le grandi opere sono indispensabili alla ripresa del Paese, ma altre opere fuori dai riflettori non lo sono di meno. E questo è paradossale, sapendo che proprio dal nostro tessuto produttivo viene gran parte di quel residuo fiscale attivo di 21 miliardi che Roma si tiene senza restituire nulla ai territori, anzi, regalandoli agli spreconi d'ogni tipo e colore. Seguiremo l'iter di queste opere che sono formalmente sbloccate e vigileremo sulla loro conclusione".
Moretti e De Menech
"Il governo ha approvato il progetto per il completamento della Valdastico Nord, un'opera fondamentale per lo sviluppo economico e produttivo che il Veneto attende da decenni ", lo rendono noto la candidata alle primarie del Pd del 30 novembre Alessandra Moretti e il segretario regionale Roger De Menech.
"Esprimiamo soddisfazione per la decisione del'esecutivo di portare a termine l'autostrada che farà da collegamento con il Trentino e che si figura come una infrastruttura strategica per il rilancio economico del Veneto" concludono i parlamentari dem.

sabato 8 novembre 2014

Corte Costituzionale boccia ricorso Tar Lazio su legittimità costituzionale Pedemontana.Vernizzi: "Ora l'opera é definitivamente intoccabile". Falso


Comunicato Stampa 08/11/2014 CoVePA

Corveneto,oggi,pag.3: Corte Costituzionale boccia ricorso Tar Lazio su legittimità costituzionale Pedemontana. Vernizzi: "Ora l'opera é definitivamente intoccabile". Falso, ci aspettiamo tre sentenze al TAR Lazio uguali alle due precedenti sul commissario dimezzato e emergenza inesistente; appaiono gravi illegittimità e violazioni di legge sulla finanziabilità pubblica dell'opera che non ha completato il progetto esecutivo. Sono atti del governo, del ministero Lupi, del commissario su cui chiediamo l'intervento della magistratura e del Commissario Cantone. 


Leggendo la sentenza n.250/2014 che per alcuni versi non é facile da interpretare, non ci sembra chiusa la partita che rinvia comunque la decisione al TAR Lazio. Esso potrà emettere le tre sentenze sospese dal luglio 2013 con l'ordinanza di rinvio. 


Il CoVePA attende questi fatti che nel diritto hanno già riconosciuto illegittimo il commissario e inesistente l'emergenza. Ci aspettiamo che le sentenza siano emesse. La battaglia é lunga e complicata, come lo sono i trucchi per finanziare con 1.000 mln di € pubblici un'opera che non ha ancora completato il progetto esecutivo. 

Massimo Follesa portavoce CoVePA Ovest VI 
di seguito leggi la sentenza
https://drive.google.com/file/d/0B4hgrkEgY4AXbldfWHE5dDRST2c/view?usp=sharing

venerdì 31 ottobre 2014

Ast Terni, scontri a Roma: ‘Come siamo messi?’, chiede Landini. Malissimo, siamo messi malissimo

www.ilmessaggero.it
di Maso Notarianni | 29 ottobre 2014 tratto da ilfattoquotidiano.it
“Altro che slogan del cazzo, altro che palle, leopolde e cazzate varie.Il governo deve chiedere scusa ai lavoratori. Perché questo Paese esiste perché ci siamo noi a pagare le tasse. E dobbiamo prendere anche le botte, noi che paghiamo, noi che lavoriamo? E da chi, da altre persone che per vivere devono lavorare? Ma che diano l’ordine di colpire quello che c’è da colpire. Cazzo, in un Paese di ladri, di gente che evade, di corruzione, se la vengono a prendere con gli unici onesti? Ma dove cazzo siamo messi?”. Sono durissime le parole del segretario della Fiom-Cgil Maurizio Landini dopo la carica della polizia contro i lavoratori della Ast-Terni.
‘Dove siamo messi?’ Siamo messi malissimo. 
Siamo messi malissimo perché chi può (non sono tanti ad avere questo potere, visto che la maggior parte degli italiani è analfabeta funzionale) sa che la distribuzione delle ricchezze è spaventosamente ineguale.
Siamo messi malissimo perché ci raccontano che c’è crisi, e invece lacrisi è ingiustizia sociale.
Siamo messi malissimo perché abbiamo al governo gente che abusa della parola sinistra.
Siamo messi malissimo perché la televisione e la stampa hanno contribuito a far diventare la solidarietà (una delle parole fondamentali dell’umanità) una parolaccia. Lo dice il Papa non un pericoloso sovversivo (qui il fondamentale discorso di Bergoglio all’Incontro mondiale dei Movimenti Popolari tenutosi in Vaticano ieri)
Siamo messi male perché qui e in altre parti del mondo (per fortuna non tutto o non ancora) ci accontentiamo, sempre per citare il Papa, “di promesse illusorie, scuse o alibi”.

sabato 25 ottobre 2014

Pedemontana tossica, pericolo “pfoa”

Un dossier redatto dagli uffici tecnici della Regione in cui nero su bianco sta scritto che per quanto riguarda la grande superstrada che connetterà Spresiano nella Marca a Montecchio Maggiore nel Vicentino, c’è una grana ambientale proprio nell’ultimo tratto, quello berico, o meglio quello in valle dell’Agno nella zona di Trissino. Secondo il monito che arriva o arriverebbe dagli uffici, il tracciato della Spv che in Valleagno va in galleria o in trincea, andrebbe letteralmente a cozzare con una vasta porzione del sottosuolo in cui sono presenti in grande quantità alcune sostanze estremamente pericolose, i pfoa, risultato degli scarti della decennale lavorazione che a Trissino fu della Rimar-Marzotto ora Miteni

RIVERISCO CAPITANO GIBILISCO

Feluca da Ufficiale
www.carabimieri.it
Martedì 21/10 ad Altivole il CoVePA ha manifestato ordinatamente contro ZATTILA E I SUOI UNNI 
Un'ora e mezza prima dell'inizio della manifestazione un nostro militante è stato colpito da un provvedimento di arresto per presunta violenza aggravata perché contro un pubblico ufficiale. Mercoledì è stato colpito da una ischemia cardiaca ora è in osservazione a Castelfranco a lui va tutto il sostegno del CoVePA. 
Dai fatti che lo hanno coinvolto, emergerebbe il contraddittorio comportamento delle forze dell'ordine.
Al Comandante Gibilisco (il Capitano della Compagnia di Castelfranco) protagonista dei fatti di martedì va il nostro ""RIVERISCO"" di veneti, lui forse ci vorrebbe ossequiosi (come arlecchino) sebbene violentati, espropriati e sbeffeggiati dai padroni del Veneto che è chiamato a proteggere. Continua, anche dopo questi fatti, il silenzio del M5S di Treviso che sulla SPVsi allinea al comportamento di tutti gli altri! 

giovedì 16 ottobre 2014

M5s, i soldi versati dai parlamentari al Fondo di garanzia Pmi finiscono (anche) ad aziende vicine a Grillo e Casaleggio (FOTO)

i1.huffpost.com

Chi beneficia dei soldi versati dai parlamentari del Movimento 5 stelle al Fondo di garanzia per le Pmi? 

Una domanda alla quale dà risposta Caris Vanghetti, giornalista di Panorama. Che, in un articolo uscito oggi sul settimanale, scrive: "Sei aziende destinatarie di quegli aiuti gravitano proprio nel campo del Movimento. Alla faccia della conclamata trasparenza. E del conflitto d'interessi".
"Alcune aziende vicine al mondo grillino - continua Vanghetti - hanno usufruito del Fondo alimentato anche dai parlamentari del Movimento 5 stelle con una quota del loro stipendio. Insomma, siamo davanti a quello che i censori pentastellati definiscono un bel conflitto d'interessi e non proprio un esempio di trasparenza. Quasi 3 milioni dei soldi versati dai parlamentari al Fondo sono andati ad aziende partecipate da persone che sedevano con Grillo e Casaleggio ne Think Tank Group della Confapri, una conferenza permanente di esperti delle attività produttive".

mercoledì 15 ottobre 2014

SPV+PFOAS: IL M5S INTERROGA I MINISTRI dei TRASPORTI e dell'AMBIENTE

www.ilfattoquotidiano.it
 Riportiamo l'importante interrogazione presentata dal Movimento 5 Stelle al Ministro delle Infrastrutture e dell'Ambiente riguardo l'interferenza tra Pedemontana Veneta e l'inquinamento da Pfas. Il frutto di un lavoro di fondo si riconosce quando arriva a meta e aspettiamo le risposte chiare, limpide dei ministri e soprattutto la sospensione dei cantieri nelle aree interessate.
   Il documento a firma CAPPELLETTI, GIROTTO, SERRA, SIMEONI, CASTALDI, PUGLIA, LEZZI, AIROLA, MOLINARI, BUCCARELLA, DONNO, si rivolge ai ai Ministri delle infrastrutture e dei trasporti, dell'ambiente e della tutela del territorio. Premettendo quanto appreso dalla stampa locale, chiede ragione dell'avvio dei cantieri, dal mese di ottobre 2014, e dell'impiego di mine per lo scavo del tunnel di Trissino. E' un'opera del lotto 1B per la costruzione della Superstrada a pedaggio Pedemontana Veneta. 
   Le esplosioni nella valle dell'Agno-Guà, in provincia di Vicenza, sotto il colle di Sant'Urbano a Montecchio Maggiore avverrebbero esattamente presso le aree a est dell'impianto Miteni di Trissino, da dove sono generati gli inquinamenti da sostanze perfluoro-alchiliche (PFAS), come evidenziato dagli studi dell'ARPAV (Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto).

venerdì 10 ottobre 2014

Il presidente di Nomisma ed ex grande banchiere Pietro Modiano: per uscire bene dalla crisi, bisogna cominciare dal redistribuire meglio la ricchezza

Molto interessante ieri sera a Servizio Pubblico l'intervista di Michele Santoro a Thomas Pikkety, l'economista francese autore di un bellissimo libro "IL CAPITALE DEL XXI SECOLO", che invito tutti a leggere. La tesi principale del libro è che per uscire bene dalla crisi, bisogna cominciare dal redistribuire meglio la ricchezza. Con queste parole ha rimesso sul tavolo del dibattitto l'annosa questione della patrimoniale sulla ricchezza privata. Prima di Pikkety anche da noi c'era chi aveva pensato ad un patrimoniale. Il presidente di Nomisma ed ex grande banchiere Pietro Modiano lo aveva detto nel settembre del 2011, in piena crisi economica e politica del Paese. Ecco come mi aveva raccontato le motivazioni della sua proposta nella puntata "Ricchi e Poveri" andata in onda il 2 settembre 2013. Il link per rivedere l'intervista http://www.rai.tv/…/ContentItem-9414456b-fc12-4316-8f4d-f6d… Continuiamo a tenere acceso il cervello! E' l'unica difesa che abbiamo per muoverci in un mare cosi' mosso senza annegare ! Riccardo Iacona