domenica 19 febbraio 2017

È mancato Ivan Cicconi, un maestro per noi. Che la terra ti sia lieve

È mancato Ivan Cicconi (http://www.ilfattoquotidiano.it/blog/icicconi/) con lui abbiamo condiviso un tratto del nostro percorso, siamo addolorati e scossi. La sua perdita è incolmabile per tutti i movimenti legati allo studio del territorio dell'ambiente e al rispetto degli uomini e dei loro diritti. Salutiamo un compagno che ha condiviso con coerenza le battaglie di una importante parte dei lavoratori e della sinistra, aperto al dialogo e disponibile a spiegare, in lui riconosciamo un maestro per le nostre battaglie, i nostri studi e approfondimenti. Grazie per la sua competenza e grazie alle cose che ci ha insegnato con le sue opere, che la terra ti sia lieve.
Matilde Cortese, Massimo Follesa, Elvio Gatto portavoce CoVePA

martedì 14 febbraio 2017

LA CRISI DI PEDEMONTANA VENETA E' ORA CRISI DEI SUOI CANTIERI

Nella rassegna stampa dei quotidiani veneti emerge il grave stato della gestione dei cantieri di SPV. E' una crisi amministrativa che preclude la cosiddetta gestione delle rocce da scavo, ma soprattutto è economica: ormai la scarsità di risorse economiche sta intaccando la capacità di lavorare nel rispetto delle norme. 65 mila metricubi di materiale derivato dalle lavorazioni con le iniezioni in jet-grouting nelle trincee: non sono bazzecole sia per volume,  perchè equivalgono a un ettaro(10.000 mq) ricoperti con uno strato di rifiuti alti 6.5 metri, sia dal punto di vista del principio di precauzione sulla loro pericolosità, visto che quelle miscele sono spesso coperte dietro al segreto industriale sui prodotti chimici impiegati.
Approfondisci ai link seguenti

lunedì 13 febbraio 2017

BUIO SUL BIVIO DI SPV

Tratto da TAEPILE di M.Milioni
A questo punto, tra le tante, rimane da capire quali strade percorrerà la Regione Veneto per uscire da questa impasse. Sempre che ve ne siano e sempre che siano rispettose della norma. Questi e altri scenari sono al centro di una analisi che oggi firmo per Vvox.it. L'argomento rimane bollente...

LEGGI IL SERVIZIO DI VVOX.IT


venerdì 3 febbraio 2017

SPV NEL FOSSO: DIBATTITO SALVARLA O SOTTERRARLA. IL COVEPA NON TEME ANAS COME ZAIA E VUOLE I DOGLIANI FUORI DAI PIEDI . ESPOSTO DENUNCIA CONTRO SIS

Grande partecipazione ieri sera 26.01.17 in sala Tolio, che era strapiena al dibattito sulla SPV che ha posto in evidenza in quale fosso sia finita. I relatori Celotto, Milioni, Costantini e Follesa hanno dibattuto sulle ragioni se SOTTERARLA O SALVARLA. Il CoVePA intende ringraziare gli intervenuti, i politici presenti, i loro delegati e gli assenti giustificati.
La serata si è aperta con Marco Milioni che ha parlato della denuncia contro SIS e i Dogliani da parte della società che era incaricata della redazione di progetto definitivo ed esecutivo: la Sics di Giuseppe Capecchi. L'esposto è giunto sulla scrivania del governatore veneto Luca Zaia dalla società a cui venne affidato il primo incarico per la progettazione della Pedemontana ed un tempo partner strategico del gruppo Dogliani.

MOSE E PEDEMONTANA VENETA? PARI SONO!

Abbiamo ricevuto dall'On. Emanuele Cozzolino del M5S ()il suo comunicato del 3 febbraio 2017 su MOSE E PRESCRIZIONE. Questo ragionamento va esteso al MOSE DI TERRAFERMA che è la Pedemontana Veneta perché pari sono. Anche in questo caso non si è proceduto su evidenze di reato a causa della prescrizione? È proprio vero che MOSE e SPV sono la stessa cosa!
COZZOLINO (M5S): PRESCRIZIONE, SCUSA CON CUI L'ESTABLISHMENT SI AUTOIMMUNIZZA DALLA LEGGE FACENDO STRAME DELLO STATO DI DIRITTO. 

martedì 24 gennaio 2017

SPV: per Luca Zaia tutta un'alta storia. Smentita la Bramezza.

 La rivincita del cronista che riporta più fedelmente possibile quanto dichiara Luca Zaia. Viene smascherata e resa evidente una operazione mediatica e di post-verità sulla Pedemontana Veneta. In questo passaggio, riportato da Vera Mantengoli a p. 18 della Tribuna di TV del 20.01.17, ci sono le parole di Zaia che contraddicono la Bramezza e smontano i toni del CorVeneto nell'anticipazione del 18.01.17 a firma di Bonet:

venerdì 20 gennaio 2017

I 4 CAVALLI DI B RONZO DELLA PEDEMONTANA VENETA

C'è da chiedersi perché Zaia non voglia buttare in laguna i Dogliani
Se le cose stanno così non cominciamo bene, purtroppo che Luca Zaia si stia Galanizzando
Ai 4 cavalli di bronzo va ricordato sono indispensabili i flussi di cassa più che le auto, forniscano quattro semplici punti secondo quanto indica il CIPE
Il comunicato della Regione Veneto N° 73 del 19/01/2017 informa i cittadini della nomina della nuova squadra di Zaia per la Pedemontana Veneta. Tra essi spicca il nome dell'avvocato Marco Corsini dell'Avvocatura dello Stato. Al CoVePA preme sottolineare che conosciamo bene quest'ufficio, è stato quello che con pervicacia e ostinazione ha tentato di nascondere le carte della concessione di SPV, come andava sostenendo a più riprese l'ingegner Vernizzi. Egli andava citando il mitico parere dell'avvocatura dello stato sulla riservatezza industriale degli atti che alla fine hanno certificato il buco di SPV.

giovedì 19 gennaio 2017

Fondi per Spv? La replica del Covepa alle indiscrezioni di stampa


Vogliamo ricordare che x i bilanci sono indispensabili i flussi di cassa, non di ruote, v. Cipe (http://www.cipecomitato.it/it/il_cipe/delibere/download?f=E040011allegato.doc ). Forniscano dunque,con dichiarazione asseverata: A. un modulo per la determinazione dei flussi di cassa (“Flussi di cassa”); B. un modulo di calcolo degli indici di redditività dell’iniziativa (“Misure di redditività”); C. un prospetto sinottico che documenta l’equilibrio fra costi dell’investimento e loro copertura (“Riepilogo fonti e impieghi”)... id. Cipe; D. uno stress test redatto da un ente indipendente e terzo sulla Pedemontana Veneta.

ZAIA, LA SPV , e BABBO NATALE

Oggi dai media regionali apprendiamo che la partita per la Spv sarebbe in dirittura d'arrivo. Le indiscrezioni pubblicate sulla stampa infatti parlano di un non ben specificato accordo tra regione, governo, Cdp, società concessionaria ed eventuali altri soggetti, che garantirebbe in qualche modo la copertura finanziaria utile a completare l'opera. Copertura che ammonta a spanne a 1,6 miliardi più oneri fiscali e finanziari. Contestualmente la Regione Veneto ha ufficialmente comunicato la nomina dell'avvocato Marco Corsini, quale commisaario della Autorità regionale di vigilanza sul progetto Pedemontana Veneta. Autorità al momento connotata abbastanza fumosamente anche in ragione di un dispaccio ufficiale altrettanto fumoso. Coordinatrice della stessa autorità, apprendiamo sempre dalla Regione Veneto, è la dottoressa Ilaria Bramezza.

Non capiamo bene quali siano le fonti in ragione delle quali siano state rivelate tali indiscrezioni e non capiamo bene se si tratti proprio di indiscrezioni o piuttosto di auspici di qualche componente la giunta tramutata magicamente in rumor giornalistico.

UNA TASK FORCE PER LA SUPERSTRADA PEDEMONTANA. ZAIA: “IL NOSTRO OBIETTIVO È COMPLETARLA E APRIRLA AL TRAFFICO ENTRO IL 2020”


Comunicato stampa N° 73 del 19/01/201Il coordinamento è stato affidato alla dottoressa Ilaria Bramezza, segretario generale della programmazione della Giunta regionale del Veneto; il commissario Autorità Vigilante è l’avvocato dello Stato, Marco Corsini, specializzato in contrattualistica pubblica, dipendente di ruolo dell’Avvocatura Generale dello Stato, che opererà a titolo gratuito; i compiti di carattere tecnico sono stati attribuiti all’ingegner Elisabetta Pellegrini, oggi direttore generale della Provincia di Verona e dal prossimo primo febbraio nuovo dirigente regionale; Responsabile Unico del Procedimento (RUP) è l’ingegner Giuseppe Fasiol, responsabile della direzione regionale delle infrastrutture e trasporti.
Questi sono i vertici della task force voluta dal presidente Luca Zaia, che ha il compito di supportare la Regione del Veneto nelle funzioni di concedente, stazione appaltante, alta vigilanza e supporto tecnico per il completamento della superstrada a pedaggio Pedemontana Veneta, che con i suoi i 95 chilometri di tracciato, 16 caselli e i 35 comuni coinvolti, è la più grande opera pubblica attualmente cantierata in Italia.